emmegi-mudec-proiezioni-milano

Tecnologie per Capitani Coraggiosi. Al MUDEC di Milano

Capitani Coraggiosi: dall’omonimo romanzo di Rudyard Kipling, è il titolo della mostra interattiva scelta dal Museo delle Culture (MUDEC) per celebrare il Novecento Italiano e in scena a Milano dal 28 settembre al 14 aprile. Un vero e proprio percorso avente come tema principale le grandi esplorazioni progettate in ambiente milanese e lombardo e concepita per offrire spunti di riflessione sulla geografia del futuro.

All’interno di questo suggestivo contesto, Emmegi ha realizzato una allestimento audiovisivo che ha accompagnato il visitatore lungo tre sale alla scoperta della più varia vastità di spazi da esplorare: dagli abissi, alle cime inviolate, al cielo di spazi. 

Emmegi partner di un allestimento dedicato ai grandi spazi

Mudec, il Museo delle Culture, ha abbracciato pienamente il concetto dell’allestimento immersivo, supportato da tecnologie di valore. Per questo si affida a partner capaci di gestire l’originalità, la sicurezza, la fruibilità, la durata degli eventi ospitati.

In questa occasione, Emmegi ha realizzato un progetto per due delle tre sale in cui si articolava il racconto dei Capitani Coraggiosi e ha identificato, fornito e allestito il materiale che doveva supportare i contenuti video e audio della mostra e coinvolgere fisicamente il visitatore nella stessa avventura dei protagonisti originari.

In concreto, Emmegi ha allestito nella prima sala quattro proiettori, due dei quali gestiti in blending, mentre nella seconda sala è stato montato un proiettore in grado di proiettare su una parete semicurva. Anche la gestione dell’impianto audio a 8 canali è stata interamente supportata da Emmegi. 

Una case history di esplorazione dei limiti 

E per Emmegi? Un’ulteriore case history nell’ambito museale, a dimostrazione della capacità di intervento flessibile unita ad un’offerta di studio, consulenza, assistenza e materiali personalizzata a seconda della committenza e delle dimensioni del progetto.

Una metafora sempre in linea con il concetto di esplorare i propri limiti per superarli.